21 | 07 | 2017
...opere di g. Marinò

OPERE del Gruppo FL - 1995

"POESIA SFERICA PERMANENTE"



Chalpi
Scultura in versi
diam.20cm  
1995
A. De Cata
Segni di uomini
diam.50cm   1995
A. De Cata
Sfe-retta colorata
diam.30cm   1995
g.Marinò
Cenere
diam.50cm   1995

 
A.Diadema
Danza planetaria
diam.30cm   1995
G.Gargano
Raggi morbidi
diam.30cm   1995
G.Maldonado
Iposfera
diam.30cm  
1995
A.Diadema
Molta confezione
diam.50cm   1995 


(*) 
Nodi FL
diam.50cm   1995
(*)   
Nodi FL
diam.50cm   1995
I. Zeno
Pianeta FL
diam.15cm  
1995
I. Zeno
Esplosioni solari
diam.15cm   1995
  
F. De Iuliis
ColoreColore
diam.40cm   1995
g. Marinò
Alcuni erano bianchi
diam.50cm  
1995
  
    
    

 
  

 

Chalpi.

SCULTURA IN VERSI

Fantalogico per la sua ricerca dell'essere e dell'apparire; poeta e attore. Creativo e interprete.

  
 

Angela De Cata

nata ad Apricena (FG), si è diplomata alla Facoltà di scultura dell'Accademia di Belle Arti di Roma con il maestro Pericle Fazzini. Dal 1990 insegna "Arti applicate ad architettura, arredamento e scenotecnica". In qualità di scultrice interpreta poliedricamente l'arte fantalogica. Ha partecipato alle mostre FL nn. 009, 010 e 011.

La scomparsa prematura di Angela De Cata, lascia un enorme vuoto nel panorama degli artisti che operano per la "non violenza".

Angela De Cata.

SEGNI DI UOMINI

Le mani, i colori primari, il bianco e il nero, la superficie trasparente. Basta questa opera semplice ed essenziale per aprire ua infinità di tematiche. Le mani impregnate di colore ancora fresco sono state poggiate sulla sfera, in più punti e diametralmente opposti. Le stesse mani, gli stessi colori, una unica superficie. Mille parole non riuscirebbero a farci riflettere quanto  questa poesia sferica.

 
  

Angela De Cata.

SFE-RETTA COLORATA

Salviamo quel margine cromatico che resta sul nostro pianeta, salviamo la nostra libertà. Questo indicano le piccole rette colorate applicate a una sfera che da più parti è bruciata.
  
 

 

Filippo De Iuliis
nato a Teramo. Si è diplomato all'Accademia di Belle Arti di Roma. Artista poliedrico entra a far parte del gruppo FL di Roma con la ricerca sulla fantalogia delle cifre. Simultaneamente all'espressione pittorica accosta ed estende la ricerca ai computer.
 

Filippo De Iuliis.

COLORE COLOREI

Il colore è colore ovunque, l'amore è amore ovunque, l'uomo è uomo ovunque e non in una nazione, in una regione o dietro un confine protetto dall'esercito, pronto a fronteggiare un altro uomo.

Troppe cose sul pianeta Terra non funzionano. La coscienza di troppe potenze soccombe davanti all'impotenza del terzo mondo e di altre forze umane arretrate solo tecnologicamente, ma non per questo arretrate sotto il profilo dei valori intrinsecamente umani come i più grandi antropologi del mondo, da F. Boass a M. Mead, hanno dimostrato con lunghe e pazienti ricerche. Anche i valori più alti trasmessi da Gandhi, Confucio, M.L.King, Marx e altri, sono in gran parte ignorati nell'essenza. L'artista fantalogico non può non rilevare che tutto è ignorato sistematicamente e che l'antropologia è diventata solo una delle materie di esame in un corso di laurea. E' come se gli antibiotici fossero utilizzati soltanto dai medici o dai pochi che ne studiano la composizione chimica.

 
  
 

Angela Diadema
nata a Londra. Laureata alla Facoltà di Lingue e letterature straniere dell'Università di Salerno. Docente di Lingua e civiltà inglese. Si occupa di poesia, di grafica e animazioni FL al computer. Ha partecipato alle mostre FL nn. 009, 010 e 011.

 

Angela Diadema

MOLTA CONFEZIONE

"Molta Confezione" è una sfera di 50 cm di diametro confezionata come un regalo.  L'accento ovviamente è sulla vanità delle confezioni, tema questo che non viene affrontato certo per la prima volta dai fantalogici, ma qui è in risalto l'idea della totalità dello sperpero e dello spreco. Si risponderà che la pubblicità crea molti posti di lavoro e che infondo riesce a motivare mercati e mercanti oltre che i consumatori. Di conseguenza si ha un aumento di produzione e di benessere. Questo potrebbe essere accettato, se non accadesse che spesso chiamiamo benessere ciò che infondo è un impoverimento della radice dell'uomo, oltre che del pianeta.  Quest'opera dice che vi è una bellezza, una purezza che non è data dalle confezioni, non dall'apparire, non dalle "maschere" della vita.

Angela Diadema

DANZA IN SENSO SFERICO

La danza della vita non può ridursi al rincorrersi di momenti di barbarie ed altri dedicati all'arte. Sono in tanti a sostenere la bellezza, l'arte, la cultura e di mostrarsi sensibili ed evoluti, ma questi stessi spiriti sensibili spesso passano sui fiori con scarpe chiodate. Siamo convinti che l'arte debba essere maggiormente diffusa, il pianeta terra è ricchissimo di beni culturali e, piuttosto che tentare di abbattere le frontiere bellicosamente e/o commercialmente, sarebbe molto meglio intensificare gli scambi culturali.  Possiamo fare insieme questa danza dell'arte, come Angela Diadema racconta, con i segni fantalogici dedicati a passi di danza.

  
 
Giovanna Gargano
nata a Roma, si è laureata in psicologia. Ha approfondito tematiche di pedagogia e psicologia con studi apparsi su riviste culturali e scientifiche. Ha partecipato alle mostre FL nn. 009, 010 e 011.

Giovanna Gargano
 
RAGGI MORBIDI
 
La composizione presenta una stilizzazione del sole e nastri colorati su sfondo giallo e indicano che questa stella continua a riscaldare il pianeta e lo avvolge anche con "raggi morbidi". Applica dei "fogli", a forme diverse, sui quali l'artista ha scritto alcuni versi. Se la poesia non è scritta direttamente sulla sfera seguendone la curvatura, ma piutosto su un foglio appoggiato, non è possibile farla aderire perfettamente.
 
Barboni
I vostri deliri / sono le nostre coscienze mancate  /  ma c'è chi ride di voi / e magari sono quelli / che si commuovono / alla vista dei gatti.
  
 
 

Gabriel Maldonado

nato a Roma. Diplomato in chitarra classica, composizione e musica elettronica, sviluppa software sulla sintesi sonora ed elabora sistemi per l'esplorazione di ambienti sonori virtuali. Studia la musica di culture extraeuropee ricercandone gli elementi comuni. E' fantalogicamente impegnato in questa ricerca di armonia.

sito ufficiale

 

Gabriel Maldonado

IPOSFERA

Maldonado va oltre la superficie della sfera e ne cerca gli assi, mostra le dicotomie che la compongono, mostra l'osso degli opposti. E' il modo d'essere avanguardia fantalogica, tentare di andare oltre spingersi come punta avanzata. Infondo avanguardia è questo e i termini che per noi hanno senso sono: AVANSCOPERTA, esplorazione, ricognizione, sondaggio, perlustrazione, misurazione. Setacciare, rilevare, analizzare. Pronti ad approfondire, notare, esaminare, ricavare, indagare, rimarcare, osservare, vedere, scrutare, evidenziare. Promuovere, migliorare, perfezionare, allargare, ampliare.

La peculiarità dell'avanguardia è andare OLTRE. Essere in anticipo sul nostro tempo, audaci, evoluti, innovatori, coraggiosi, intrepidi, valorosi, sfacciati, spudorati, impertinenti, insolenti, irriverenti, sofisticati, ribelli, riformatori, eccentrici.

Maldonado è ricercatore in senso sferico, senza i paraocchi di chi procede in una sola direzione. Questa è l'essenza profonda della fantalogia. E' musica nella quale spesso la ricerca di equilibrio è un espediente per vivere dove non si dà mai un iper senza un ipo.

  
 

Gaetano Marinò

Regista. Dal 1982 è a Roma. Come ricercatore fantalogico, nel 1987 realizza la struttura fl della parola. Ricerche fl sono apparse sul mensile "Italiasud" (1987-88) e sulle riviste "IDEA" e "Berenice". E' fondatore e direttore responsabile del mensile "Il Fantalogico". E' ideatore del calendario fl. Ha partecipato a tutte le mostre FL.
 

Gaetano Marinò

ALCUNI ERANO BIANCHI 

Nell'opera "Alcuni erano bianchi", l'autore vuole sottolineare il paradosso dell'evoluzione del mondo Occidentale, che si è sempre ritenuto superiore e libero rispetto ad altre culture. Ma la libertà, sembra proprio ribadire quest'opera, non nasce dai fucili, anche se l'uomo da milioni di anni "costruisce" su guerre e rivoluzioni! Ma viene appunto, da chiedersi cosa costruisce? Risposta: "Il non senso!" Sta ad ognuno di noi trarne le conseguenze. (Giovanna Gargano)

  

NODI FANTALOGICI

Una rete a maglia romboidale avvolge una serie di aforismi e slogan applicati sulla superficie a smalti verdi.

 

  
 

Irene Zeno
nasce a Genova. Si è laureata alla Facoltà di "Scienze politiche" di Roma. Ha compiuto approfondite ricerche spirituali e dal 1970 è insegnante di yoga. Conseguentemente all'esperienza di operatrice estetica multimediale nel campo teatrale, si è avvicinata al "pianeta fantalogico". Ha partecipato alle mostre FL nn. 009, 010 e 011.

 

 

Irene Zeno

IL PIANETA FL: SFERICO IN/OUT

La ricerca dei materiali, per i fantalogici non è ricerca di forme che racchiudono sostanze più o meno plasmate o plasmabili, è, piuttosto, ricerca di energia, di forza, di vitalità, di tempra, di robustezza, di solidità, di impeto, inteso in termini di creatività. Ciò che entra nella "sfera di un fantalogico" è vissuto in termini costruttivi. Irene Zeno evidenzia quanto sopra elaborando la sua sfera all'interno. Nella sfera della materia cosmica si può intervenire agendo come fermento e lievitando ciò che, senza l'intervento creativo umano e "spirituale superiore", resterebbe materia inanimata. Irene Zeno mostra come un pianeta fantalogico esista per una realtà infra e una ultra, che la poesia non si realizza sopra o fuori se non vi è un sotto e un dentro. Le opere: Esplosioni Solari, Il Pianeta FL, La Montagna Sacra e Il Futurosauro sono accadimenti poetici a strati diversi a profondità diverse, con materiali diversi, ma interni. La creatività, in termini fantalogici non può che essere un fatto interno, interiore, intimo, volontario e imprevedibilmente fantastico pur se logicamente afferrabile. In sintesi un fenomeno fantalogico è sensibile e intelligibile. Noi fantalogici crediamo nella forza della natura e sosteniamo che queste possono essere convogliate positivamente e costruttivamente per risolvere problemi diversissimi. Anche i farmaci non sono che particolari, ma naturali, "incastri chimici". Il segreto è nella rivelazione della poesia inserita tra le fibre della materia e l'energia creatrice dei significati delle cose stesse. Poesia sferica permanente è una mostra che presenta anche un video (con protagonista Irene Zeno), dal titolo VIRIDIA verde GREEN (1994), che è un invito a vivere la verità della natura con la stessa semplicità con cui la vegetazione entra in rapporto con gli esseri umani. Il pianeta è nudo, Adamo era nudo, vorremmo riuscire a comunicare che i poeti fantalogici vivono in simbiosi con la natura, e quando si vestono lo fanno con lo stesso spirito con cui l'albero ricopre di foglie se stesso, poiché anche le foglie sono l'albero. 

 



 
Quadri | Video | Libri | Biografia | Calendario fantalogico |Fantalogia | Contatti

 

© dal 1993 FL Fantalogica. La riproduzione totale o parziale di testi, immagini, grafica, video, audio, voce o altro materiale simile in questo sito, se non autorizzata, viola la Legge 633/41 e sarà perseguita penalmente | Informativa. Questo sito non utilizza cookie, ma potrebbero usarli le terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalit� illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi� o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Scorrendo la pagina, cliccando su un link o su un qualunque elemento o proseguendo nella navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie.

 4 visitatori online